hashtag

Da tempo ci siamo abituati a vedere e usare gli hashtag nei post sui social network e non solo. Spesso l’uso diventa smoderato e incontrollato perché non si conosce il reale significato e la potenzialità di inserire un cancelletto davanti a una parola.

Il concetto di hashtag nasce per etichettare qualcosa creando delle parole chiave che vadano ad identificare un argomento di facile reperibilità nel marasma del mondo web. Ma se l’intenzione era quella di mettere ordine in una confusione di informazioni più o meno importanti con il tempo si è perso di vista tale scopo.

L’uso improprio degli hashtag non ci permette di raggiungere il risultato che ci aspettiamo. Non esiste una regola scritta, è vero che in una frase possiamo inserire più tag ma diventa insensato perché così facendo avremo meno possibilità di emergere nelle ricerche.

Come detto prima non esiste una norma su come impiegare gli hashtag ma dei piccoli accorgimenti che permettono un uso efficace. Ecco di seguito una guida a come utilizzarli.

Ogni social network ha dei modi diversi di vedere l’uso degli hashtag.

Su Twitter vanno bene i tag corti e al massimo 2 in una frase, su Facebook è bene limitarne il più possibile l’uso in quanto tendono a diminuire il tasso di interessa.

Linkedin li ha completamente abbandonati per scarso utilizzo da parte degli iscritti, su Pinterest sono usati relativamente poco visto che per fare ricerche bastano le parole chiave.

Instagram invece detiene il primato, infatti su questa piattaforma gli hashtag funzionano benissimo.

I tag non vano usati perché di moda ma perché inseriti in un contesto. Come abbiamo visto l’uso cambia in base al social network, è consigliabile non inserire troppi hashtag tutti insieme. Più sono chiari e specifici migliore sarà la comunicazione in quanto tag troppo generici non sono utili.

Gli hashtag devono essere scritti senza spazi e senza segni di punteggiatura o caratteri speciali, ma possono contenere i numeri.

Non devono essere troppo lunghi altrimenti non verranno ricordati e inoltre sarà più difficile farli diventare virali.

Infine ti do un consiglio, costruisci una lista di hashtag in base ai contenuti che vuoi pubblicare e salvala nelle note del tuo smartphone. Ispirati magari a utenti con profili simili al tuo e incollala sotto le tue foto prima di condividerle.

Adesso che sai tutto, non ti resta che farne un buon uso.